Come ogni anno, dalla fine dell’ estate, controlli lo scarico della doccia e un brivido ti corre lungo la schiena… Un brivido di paura! Trovi una matassa di capelli, nascosta e incastrata nella raggiera e subito ti immagini spelacchiata come un gatto sotto le piogge dei giorni scorsi.

Ti senti dire che è normale, è il tempo delle castagne, ma cerchi di ricordare quando ti è stato mai raccontato che questo benedetto tempo delle castagne, inizia a fine agosto e finisce ad inverno inoltrato.

castagne e caduta dei capelli

 

 

Oggi faremo un pò di chiarezza.

Pronti?

Cominciamo chiedendo ad un professionista il suo parere, Federico De Felice, l’ hair stylist del nostro salone.

V: Federico, come funziona la caduta dei capelli?

F: La caduta dei capelli è costante durante tutto l’ anno, ma ci sono periodi in cui il nostro scalpo, riceve delle sollecitazioni supplementari, come quello successivo al rientro dalle vacanze. I metalli pesanti presenti nell’ acqua di mare, le giornate sempre più corte, l’ esposizione solare più aggressiva, mettono in subbuglio l’ equilibrio chimico del nostro corpo. Ecco perchè da fine agosto, notiamo un sensibile aumento dei capelli caduti.

V: Esiste un rimedio miracoloso per evitare che la caduta dei capelli diventi patologica? Mi riferisco a tutte le persone che vedono diradarsi in pochi anni la loro capigliatura e che spendono centinaia di euro in lozioni ” miracolose” …

F: La caduta dei capelli patologica è, nel 93% dei casi, di natura genetica. E la scienza, purtroppo, ancora non ci fornisce le risposte che molte persone si aspettano. Queste persone possono limitare i danni con prodotti che fortificano e rendono più corposi i loro capelli. Il restante 7% , che deve la perdita a causa di fattori differenti ( stress, medicinali, patologie come la celiachia, alimentazione squilibrata e cambiamenti ormonali) , può iniziare a limitare la caduta lavorando direttamente sulle cause che la provocano, per favorire l’ equilibrio chimico interno, ed utilizzare prodotti appositi che aiutino la normalizzazione della cute della testa, ripristinando la circolazione sanguigna e così la vita dei bulbi.

V: Come ti comporti in salone di fronte ad una persona che manifesta preoccupazione per questo tipo di problema?

F: Innanzitutto, mi sento di avere un approccio molto scientifico a riguardo, ascolto la persona e , insieme, cerchiamo di risalire alle possibili cause. Se penso ci siano degli accertamenti medici da fare, consiglio alla cliente una visita dal medico, al fine di effettuare un check up di analisi del sangue. Se, invece, arrivo alla conclusione che ci sia per me un margine d’ intervento, consiglio una serie di peeling mirati a stimolare la circolazione sanguigna del cuoio capelluto, che unito ad una routine casalinga, fanno veramente la differenza.

caduta dei capelli? non credere agli elisir miracolosi

V: Come funzionano questi peeling?

F: Attraverso un massaggio mirato, che favorisce la penetrazione di prodotti specifici di elevata funzionalità.

V: Che prodotti utilizzi?

F: Da circa 2 anni collaboro con L’ Anza, brand che dispone di linee specifiche professionali e super tecnologiche per ogni esigenza. Il peeling anticaduta, in particolare, si effettua con la linea Nourish, che ha, al suo interno, l’ ” Anagen Seven System” , brevetto che racchiude una sinergia di attivi naturali, trattati in nanoscienza ( che studia le molecole 1 milione di volte più piccole dei globuli rossi) . Al suo interno troviamo decine di estratti, un condensato di tecnologia resa biodisponile. Tra i tanti cito l’ aloe vera, l’ estratto dei semi di ippocastano, di Achillea Millefoglie, di liquirizia e molti altri.

Credo che a questo punto, le cose siano decisamente più chiare. Ringrazio Federico per la sua disponibilità e precisione. E vi lascio un consiglio: qualsiasi problema avete, evitate il fai da te. Rivolgetevi a dei professionisti del settore. Oggi siamo invasi di pubblicità di elisir miracolosi, antirughe, anticaduta, antivecchiaia, ma spesso si tratta solo di elisir… antiportafoglio!

Seven, da parte sua , sarà felice di trovare insieme a voi, la soluzione giusta.

A presto,

Valentina